Discussione:
watcher of the skies, genesis
(troppo vecchio per rispondere)
Don Chuck castoro
2012-07-12 22:55:54 UTC
Permalink
ascoltando Radio Capital ho festeggiato il 40 esimo compleanno del disco
Foxtrot, con la splendida iniziativa di mettere in onda tutte le tracce
dell'album.
essendo pure tanto che non le ascoltavo mi ha fatto un immenso piacere.
la prima canzone è quanto di piu suggestivo si possa ascoltare dai
Genesis e non è neppure tanto facile descrivere quello che si può
facilmente ascoltare sui primi solchi del disco.
l'inizio del mellotron a "tempo libero" sovrasta l'atmosfera e dopo un
minuto circa di introduzione sorprende il volume abbassarsi di netto e ,
con la tastiera in sottofondo.lasciare posto alle prime battute del
ritmo di basso-batteria che troveremo in tutta la canzone. stupendo il
ritmo incalzante che si erge sopra tutto il resto aumentando di volume
e di fragore con precisione millimetrica fino a che, interrompendosi
bruscamente,si scioglie nei primi accordi di organo di Banks che
introducono il cantato imponente e asciutto di Gabriel. ascoltando tutto
ciò dal vivo c'è da rimanere senza fiato, anche immaginando la presenza
scenica di Mastro Peter.
la presenza del basso di Rutherford è ossessiva e non da tregua, con
alcuni azzecati accenti sulle due note di fine battuta che danno
carattere alla canzone.
il punto piu "rock" del brano sta nelle battute strumentali tra le
strofe vocali con le note decise ed elettriche di Hackett a sottolineare
gli stacchi di basso-batteria fino a che l'organo di Banks riprende il
filo del discorso ritornando il padrone del vapore.
il finale è imponente e all'unisono tra tutti i membri del gruppo con
precisione inaudita, di grande effetto per le esecuzioni dal vivo.
buon ascolto a tutti!
Philippo
2012-07-13 09:28:04 UTC
Permalink
Trovata una recentissima versione live di tali EraOra, qualità audio/video così così, ma come esecuzione mi pare abbastanza fedele. No?



Continua a leggere su narkive:
Loading...